Antonio Balestra (Verona, 1666-1740), Mosè salvato dalle acque del Nilo

Autore: ANTONIO BALESTRA (Verona, 1666-1740)
Titolo: Mosè salvato dalle acque del Nilo
Tecnica: Olio su tela
Dimensioni: 63 x 98,5 cm
Epoca: Prima metà del Settecento

Nel Mosè salvato emerge la solida impostazione formale di Balestra, che si sofferma nella resa delle pose espressive dei protagonisti e nel bilanciamento della composizione. La tela è forse lo studio preparatorio per un quadro di analogo soggetto già passato in asta Christie’s nel 1990 (olio su tela, 159×206 cm): tra le due opere si possono riscontrare numerose varianti, come l’eliminazione nella redazione definitiva del piccolo servitore moro sulla destra, per consentire una migliore rotazione di tutte le figure femminili attorno alla luminosa immagine di Mosè. Si conoscono ulteriori versioni di questo soggetto, anche se di impianto alquanto diverso, come la tela dipinta per il soffitto della Marmorsaal del castello di Pommersfelden (1714-1716 circa) e la redazione ora conservata all’Accademia Tadini di Lovere (inv. 282)

Clicca QUI per vedere la descrizione completa nel Catalogo Quattro secoli di pittura 2016, pg. 36-37